CUNEO
 

Marco Villano, Cooperativa Operatori Sociali C.O.S. – Alba

Marco Villano, Cooperativa Operatori Sociali C.O.S. – Alba

Marco Villano, Cooperativa Operatori Sociali C.O.S. – Alba

LE COOPERATIVE VISTE DAI GIOVANI

Categorie: Storie Cooperative

Tags: Alba,   le cooperative viste dai giovani,   Cooperativa Operatori Sociali C.O.S.

Posso dire, dopo solo otto anni di esperienza nel mondo della cooperazione, che i valori che lo rappresentano e lo contraddistinguono prima che un modo di fare sono un modo di essere.

 Naturalmente, i “valori” della cooperazione, il “buon nome” delle cooperative non sono un dato di fatto, ma vanno difesi e ribaditi nella pratica quotidiana. 

Sono diventato un cooperatore sociale nell’ottobre del 2007, poco dopo aver ottenuto l’abilitazione dall’ordine professionale degli Assistenti Sociali. La Cooperativa Operatori Sociali C.O.S. mi ha assunto dopo un formale colloquio nel quale comunicavo di non aver mai lavorato nell’ambito della Cooperazione fino a quel momento, ma mi ero limitato solamente a tirocini universitari e numerosi lavori non inerenti all’ambito di studio. La Cooperativa Operatori Sociali C.O.S. mi ha proposto d’iniziare a lavorare a tempo indeterminato, presso la CRP per minori mettendomi in condizioni di realizzare il mio futuro. Sono molto grato verso la Cooperativa per la quale lavoro, poiché mi ha offerto la possibilità di intraprendere un percorso lavorativo che considero importante, e un percorso formativo che mi ha reso consapevole di tutta la complessità e l’impegno necessario per affrontare un modello economico che stenta a riconoscere alla cooperazione la professionalità e l’importanza che riveste. 

Sono convinto che la cooperazione, se sana e incentrata su un modello democratico di “una testa un voto”, possa ancora offrire molto alle nuove generazioni e rilanciarsi come modello lavorativo doppiamente benefico per il contesto sociale, incentrato sull’offerta di lavoro (imprenditorialità sociale) e restituzioni di valori e benessere agli stakeholders del territorio. La cooperazione è un grande contributo alla qualità sociale, per alcune ragioni che sono proprie del modello d’impresa cooperativo. La prima è l’insediamento territoriale: le cooperative non nascono per operare all’estero ma per produrre lavoro e ricchezza nel territorio di appartenenza (e questo succede anche quando, in relazione al loro mercato di riferimento, le cooperative devo avere grandi dimensioni). La seconda è che le cooperative, per loro natura, sono intergenerazionali. A differenza delle imprese lucrative, gli utili rimangono in azienda e servono a dare continuità all’impresa, attraverso investimenti e innovazione. E’ questa la ragione per cui le cooperative sono le imprese più longeve e capaci di futuro.

 La strategia organizzativa interna che la Cooperativa per la quale lavoro ha posto in essere, è finalizzata ad una fattiva partecipazione dei Soci alla vita ed alla progettazione della Cooperativa stessa, offrendo liberamente la possibilità ad ogni socio di esprimersi e realizzarsi. Il basso turnover degli operatori impiegati nei diversi servizi evidenzia la buona gestione del personale e la mia esperienza pratica, mi rende un testimone convinto della forza e delle potenzialità di questa metodologia. Ho ricevuto dalla mia cooperativa numerose possibilità di crescita e sperimentazione, infatti, ho iniziato come educatore professionale, per poi ricoprire il ruolo di Assistente Sociale di struttura, di Area e Assistente Sociale di Territorio, ed essere eletto nel 2011 come amministratore all’interno del Consiglio di Amministrazione. Durante questo cammino professionale, la Cooperativa ha continuato ad affiancarmi, dandomi l’opportunità e il supporto per la partecipazione e il conseguimento del Master in Management dell’Impresa Cooperativa dell’Università di Torino. L’incarico di amministratore e il Master mi hanno permesso di conoscere meglio l’apparato di governance dell’azienda, confrontandomi con compiti e problematiche che riguardano tutti gli ambiti di lavoro della cooperativa e tematiche socio politiche generali. Ad oggi seguo l’ufficio progettazione, L’H.A.C.C.P. e l’ufficio comunicazioni, infatti, la Cooperativa ha accettato la mia proposta di rinnovamento comunicativo, aggiornando e potenziando il sito web e strutturando un ufficio apposito. Nell’ultimo anno, inoltre, la Cooperativa ha appoggiato la mia candidatura al Consiglio Provinciale di Federsolidarietà, all’interno del quale ho iniziato ad approfondire cosa significa il concetto di “rete” e condivisioni di obiettivi, accrescendo la possibilità di confrontarmi con colleghi che conoscono nel profondo la “cooperazione” e tanto hanno da offrire (esperienze, professionalità) ai nuovi consiglieri. Non avendo ancora 35 anni partecipo agli incontri del gruppo Punto Giovani di Confcooperative, che offre la possibilità di confrontarsi e approfondire tematiche cooperativistiche inerenti all’ambito lavorativo. In chiusura, approfitto di questo spazio per suggerire a tutti i “nuovi” e giovani cooperatori di cogliere le diverse possibilità che la cooperazione offre, sia di sviluppo sia di occasioni lavorative. Di mettere in discussione il modello attuale di lavoro, e di affrontare, conoscere, pensare a realtà innovative che possano far nascere nuove metodologie e opportunità di lavoro sempre più incentrate sull’intreccio di diversi contesti. È necessario che la conoscenza della situazione patrimoniale, economica e finanziaria dell’impresa sia integrata con adeguate forme di comunicazione che rendano meglio conto del fatto che l’impresa moderna è un sistema “aperto” di elementi collegati e interagenti con altri sistemi. Le attuali cooperative sono spesso nate in momenti di crisi: hanno saputo innovare e qualificare i loro processi e i loro prodotti, per reagire alle congiunture sfavorevoli. Oggi possono fare altrettanto: ci sono opportunità e finanziamenti per chi vuole essere un imprenditore-cooperatore. Cooperare, non semplicemente intraprendere, questa è la sfida che noi giovani possiamo raccogliere.

iTAGstorieCOOPERATIVE

leULTIMEnotizie

ilCALENDARIO

«dicembre 2018»
lunmarmergiovensabdom
262728293012
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31123456



CONFCOOPERATIVE CUNEO
Via Cascina Colombaro, 56
12100 CUNEO
t +39 0171/451711
cuneo@confcooperative.it